Al posto del Velodromo

(aggiornato al 7 marzo 2015)

NOTA: quanto pubblicato è ricavato da articoli giornalistici e documenti che si allegano integralmente. Siamo a disposizione per pubblicare rettifiche, approfondimenti e diversi punti di vista che dovessero pervenirci (laboratoriocarteinregola@gmail.com)

a cura del Comitato Salute e Ambiente EUR

nuvola  l43-roma-velodromo-120524113626_big-586x390

AGGIORNAMENTO 7 marzo 2015: Nel corso dell’iniziativa “Spiazziamoli” Piediperterra all’EUR”, l’assessore Caudo ha assicurato ai comitati e  ai cittadini dell’EUR che nell’area dove si ergeva il Velodromo fatto saltare nel luglio 2008 su indicazione dell’allora AD di Eur spa Miccio, dove si sono andate infittendo le cubature private dei progetti da Veltroni a Alemanno, diventerà un parco pubblico

Ex VELODROMO OLIMPICO – Area di circa 65.000 mq compresa fra v. Oceano Pacifico, v. della Tecnica, v. del Ciclismo, v. dei Primati Sportivi. Proprietà di Eur spa.

Il Velodromo “più bello del mondo” (come fu definito all’epoca) realizzato dall’Ente Eur per le olimpiadi del ’60 su progetto degli arch. Ligini, Ortensi e Ricci (1)  è stato fatto implodere nel 2008 per liberare l’area in cui realizzare le piscine della “Città dell’acqua e del benessere” e le altre strutture da destinare al Municipio (opere che avrebbero dovuto essere  finanziate attraverso la costruzione di edifici non residenziali per 25.000 mq nella vicina area su viale Oceano Pacifico). La trasformazione del vecchio Velodromo, poi diventata demolizione, è avvenuta a seguito di un progetto iniziato nel 2003 in base ad un protocollo d’intesa per lo scambio di valorizzazioni tra Ministero delle Finanze e Comune di Roma. La prima delibera del Comune è la n. 84 del 03.04.2006 relativa “agli indirizzi al Sindaco per la sottoscrizione dell’Accordo di Programma concernente il programma di interventi per il recupero e la trasformazione dell’area del velodromo olimpico“. L’accordo di programma, molto complesso a causa degli impegni di cessione dida velodromo presentazione 1 alcune aree da parte di Eur spa (tra cui quelle necessarie per la realizzazione del centro del Comitato Paralimpico al Tre Fontane), e anche perchè prevedeva un concorso di progettazione bandito da Eur spa sotto la supervisione del Comune, sulla base di linee guida formulate da una commissione di esperti, è stato stipulato con la Regione nel 2007 e recepito nel PRG del 2008.  Il Velodromo era stato   vincolato dalla Soprintendenza e il concorso di progettazione era terminato con un complesso  contenzioso, quando nel luglio 2008 viene fatto saltare in aria su indicazione di Eur spa, Ad Mauro Miccio.

da velodromo presentazione 3

dalla presentazione di Eur spa

E’ accertato che l’implosione ha liberato nell’aria polveri di amianto, dato che non tutti i materiali contenenti amianto presenti nella struttura erano stati eliminati prima della demolizione (è in corso il relativo processo per disastro ambientale)(2).  In ogni caso la “città dell’acqua e del benessere” non venne poi realizzata. Passata la fase della corsa alla realizzazione di piscine per i Mondiali di nuoto del 2009, con il suo strascico di sperperi per opere incompiute e interventi della magistratura, Eur spa – dopo aver conferito alla fine del 2007 la proprietà dell’area in Aquadrome srl e averne poi ceduto il 51% a Condotte spa (ossia alla società che sta realizzando la Nuvola) – nel 2010 decide di cambiare progetto e realizzarvi edilizia residenziale, accompagnata da una serie di edifici per infrastrutture di standard (scarica velodromo_presentazione). Le cubature previste, cresciute rispetto all’accordo di programma, avrebbero dovuto supportare anche la realizzazione del progetto della Formula 1 all’Eur, poi abortito. La Giunta Alemanno non è riuscita a far approvare la relativa variante (3), che prevedeva anche tre torri di altezza 80/90 m nell’area Oceano Pacifico, ritenuta poi dalla Giunta Marino troppo invasiva e quindi  bloccata. Ma aleggia ancora sull’Eur lo spettro di decine di migliaia di mc di cemento da realizzare in quest’area (accompagnata giocoforza dalla totale eliminazione delle alberature), al fine di recuperare risorse per il disastrato bilancio di Eur spa e per il completamento della Nuvola di Fuksas.

da velodromo presentazione 2

Pagina della Presentazione del progetto di EUR spa

Cosa fare, cosa non fare

Un’ulteriore cementificazione rappresenterebbe un macigno insostenibile per la zona a sud dell’Eur, già satura a dismisura, sia per il traffico attratto e indotto sia perché l’area dell’ex Velodromo rappresenta ormai l’unico polmone di verde pubblico in una zona completamente edificata (Eur Castellaccio/Euroma2 – Ministero Sanità – Eurotower ecc (3)   I comitati di zona hanno proposto all’amministrazione alcune destinazioni alternative, tutte incentrate sul soddisfacimento dell’interesse pubblico. E’ necessario in ogni caso che l’edificabilità dell’area sia ricondotta alla originaria destinazione a servizi pubblici, avendo presente che il quartiere necessita perfino di scuole dell’obbligo e di molte attrezzature di interesse generale (partecipative, culturali, sociali ecc ). La sostenibilità dei relativi interventi potrà essere assicurata mediante una parallela contenuta edificazione dell’attigua “area Oceano Pacifico” e/o con l’applicazione del project financing. Dovrà trattarsi in ogni caso di una progettazione partecipata dai cittadini.

 

EUR VELODROMO IMG_1330

 (1) IL CENTRO OLIMPICO DELL’E.U.R.

 (2) IL FATTO QUOTIDIANO TV – video del 2012: Roma, amianto nell’ex Velodromo: dalla speculazione edilizia al disastro colposo

 (3) (dalla scheda del 1 aprile 2013)  Modifica alla Delibera 118/07- Velodromo Olimpico

Con una modifica alla delibera n. 118/2007, la Giunta Alemanno ha predisposto la modifica dell’accordo di programma vigente e non ancora attuato, con il cambio di destinazione  urbanistica, dal complesso sportivo “La città dell’acqua e del benessere” a edilizia residenziale, con la  realizzazione di 4 edifici e a sei piani nell’area ex Velodromo e di 3  torri di crica  90 metri di altezza, per una superficie totale  di 53.000 metri quadrati. Un’operazione immobiliare a cui i comitati si oppongono, in quanto si tratterebbe di un intervento  con un impatto pesantissimo sull’ EUR e sul Torrino Nord in termini di carichi  urbanistici e di mobilità.
Inoltre i comitati non ravvisano la sussistenza  di  interesse pubblico per adottare una simile variante, che potrebbe  aprire   la strada a  contenziosi giuridici. Inoltre l’intervento comporterebbe l’eliminazione totale di alberature  di grande pregio presenti nell’area

61ª Proposta (Dec. G.C. del 20 aprile 2011 n. 42) Indirizzi al Sindaco, ai sensi dell’art. 24 dello Statuto Comunale, per la sottoscrizione dell’Accordo di Programma ex art. 34 del D.Lgs. n. 267/2000 concernente il Programma d’Interventi per la trasformazione dell’area dell’ex Velodromo Olimpico, in variante al PRG. Modifica all’Accordo di Programma del 1° giugno 2007 ratificato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 118 del 25 giugno 2007.

Scarica la delibera Proposta_61 2011 area ex velodromo olimpico

> vai alla pagina del sito di Roma Capitale Ex Velodromo Olimpico: processo partecipativo per il Programma d’Interventi

L’esplosione del Velodromo che ha rilasciato in aria una vaporosa nube bianca contenente polvere di amianto

 

> vai alla presentazione: velodromo_presentazione

Vedi anche IL DOSSIER DI LEGAMBIENTE: ROMA AL METROCUBO (> scarica il dossier)

Rassegna stampa

18 febbraio 2015 RomaToday  All’Eur un nuovo laghetto. Nell’ex Velodromo arrivano i cigni Proposta la realizzazione di un lago dove praticare la canoa polo. Il Presidente di Eur Spa,lancia un’idea per riutilizzare l’area che ospitava l’ex Velodromo olimpico: ci saranno anche i cigni leggi l’articolo di Fabio Grilli

21 novembre 2013 Notizie Radicali Amianto Velodromo EUR: a seguito “dell’azione popolare” Roma capitale si costituisce parte civile nel processo leggi il post di Riccardo Magi

20/07/2013  Huffington Post Eur, tra il Velodromo e Tor di Valle. Roma sceglie il suo …L’abbattimento del Velodromo è stato uno scempio architettonico ….

19  dicembre 2012 Ecoblog Velodromo Olimpico di Roma, dall’amianto alla Nuvola Da bomba ecologica nel pieno centro di uno dei quartieri residenziali più popolosi di Roma a colata immane di cemento armato, l’area dell’ex Velodromo Olimpico di Roma è l’oggetto dei desideri di tanti palazzinari e della giunta capitolina. > leggi il post di  Andrea Spinelli

8 dicembre 2012  Corriere della Sera Ex Velodromo, una nuvola d’amianto ma nessuno pensa alla salute dei residenti Nel 2008, i tecnici Asl erano protetti da tute e mascherine ma nessuno tutelò i residenti. Il 12 febbraio prima udienza del processo per disastro colposo a carico di Eur S.p.a (> leggi tutto)

6 dicembre 2012 Paese Sera Ex Velodromo, verso la verità  Dirigente Eur Spa a processo Era il 24 luglio 2008, il Velodromo dell’Eur viene imbottito con 120 chilogrammi di tritolo e fatto implodere. 4.535 chili di materiali contenenti amianto vengono liberati nell’aria. Ma gli artificieri, gli abitanti del quartiere, i vigili urbani del XII gruppo che presidiarono la zona, non sapevano che stava per esplodere una bomba ecologica: ben quattro tonnellate di fibra killer che, insieme alla nube, ricoprì il cielo di tutto il quartiere. Un fatto che è stato gestito nel silenzio, con accertamenti tardivi e insoddisfacenti. > leggi l’articolo di Veronica Moreno

26 ottobre  2012 Paese Sera Comune, colata di cemento sull’ex Velodromo Con una modifica alla delibera n. 118/2007, la Giunta Alemanno ha predisposto la realizzazione di 4 palazzine a sei piani e di 2 torri alte fino a 90 metri su una superficie di 53.000 metri quadrati. Un’operazione immobiliare a cui i comitati si oppongono.
“Basta case all’Eur, vogliamo un parco”> leggi l’articolo di Eleonora Farnisi http://www.paesesera.it/Politica/Comune-colata-di-cemento-sull-ex-Velodromo-Basta-case-all-Eur-vogliamo-un-parco

21 dicembre 2010 Repubblica.it F1, al Velodromo il cemento del Gran Premio Presentato il nuovo progetto, che prevede circa 50 mila metri cubi in più. Oggi in conferenza dei servizi il piano con l’aggiunta di una torre. De Luca: “È assalto all’Eur” >leggi l’articolo di Paolo Boccacci

Annunci

3 risposte a Al posto del Velodromo

  1. Pingback: L’Eur, una SPA nella città pubblica | carteinregola

  2. Pingback: Il patrimonio di EUR spa e il concetto di “perimetro pubblico” | carteinregola

  3. Pingback: Il patrimonio di EUR spa e il concetto di “perimetro pubblico” |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...