Trasparenza

staino consumo suolo 3

Illustrazione di Sergio Staino per la proposta di legge urbanistica della Regione Toscana

 

________________________________________________________________________

AVVISO PUBBLICO CODICE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 25/10/2014 20141025_carta-di-avviso-pubblico

LEGGE 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalita’ nella pubblica amministrazione. (12G0213) (GU n.265 del 13-11-2012 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 28/11/2012 > vai alla pagina della Gazzetta Ufficiale

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33  Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicita’, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. (13G00076) (GU Serie Generale n.80 del 5-4-2013) note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/04/2013 vai alla Gazzetta Ufficiale

Trasparenza_circolare_funzione_pubblica_2-2013 Tra l’altro, il provvedimento chiarisce che gli obblighi di trasparenza e pubblicazione delle informazioni previste dal decreto sono già efficaci senza bisogno di attendere gli ulteriori decreti attuativi o i modelli standard previsti dall’articolo 48 dello stesso Dlgs.

Dal Quotidiano giuridico “Studio Cataldi” (Il diritto di accesso civico)  e inviatomi dall’amico Bruno Ceccarelli, in materia di Diritto di accesso agli atti delle Amministrazioni pubbliche.

Con il D.lgs  n. 33/2013 (sugli obblighi di  trasparenza delle PA), esattamente all’ art. 5,  si è riconosciuto un diritto di accesso agli atti delle Amministrazioni pubbliche di portata più ampia e di  più ampio respiro.
Il c.d. diritto di “accesso civico”, non è ancora relativo alla totalitá dei documenti frutto di attivitá amministrativa di un ente , ma solo a quelli per cui  sia previsto dalla legge l’obbligo di pubblicazione,  ancora non si profila  un obbligo di totale trasparenza  amministrativa, ma ogni consociato può vigilare sull’effettiva pubblicazione dei dati da parte delle PA, solo e se prevista dall’ordinamento, ogni cittadino avrá  perciò il diritto di richiamare le amministrazioni pubbliche al rispetto degli obblighi in materia di trasparenza, con la possibilità di richiedere la pubblicazione di atti, documenti e informazioni che i singoli enti pubblici detengono e non ancora accessibili.
La  novitá più pregnante è che tale diritto spetta a chiunque, senza alcuna dimostrazione  di uno specifico interesse in merito a tale accesso, a differenza del diritto d’accesso ex art. 22 L. 241/1990, concesso  solo a chi abbia  “un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento per il  quale  si richiede l’accesso” – ed a chi è parte di un procedimento amministrativo.
Il nuovo art. 5  non prevede che la richiesta di accesso debba essere motivata.
L’ altra novità è che questo “nuovo diritto di accesso” non riguarda solo i documenti, ma anche informazioni o dati, a differenza di ciò che è accaduto sino ad ora, infatti,per  giurisprudenza costante  – il diritto d’accesso “tradizionale” si può esercitare solo su documenti esistenti, e non può comportare la raccolta e l’elaborazione di dati.
Al contrario, con una portata innovativa non di secondo piano, Il diritto d’accesso civico si allarga ad informazioni e dati, anche se gli stessi non sono stati ancora trasfusi in un documento, quindi, l’amministrazione avrá un obbligo di “facere” – sempre che, come  già detto, per essi sia previsto dalla legge un obbligo di pubblicazione.
Il richiedente dinnanzi ad un diniego di accesso od anche ad un’inerzia protratta per almeno trenta giorni potrá: rivolgersi al funzionario gerarchicamente sovraordinato (attivando il c.d. potere sostitutivo), il quale ha il potere di sostituirsi a quello che non provvede o adire, con la forma del ricorso,  il  Giudice Amministrativo ( rimedio già previsto per il diritto d’accesso ex art. 22 L.241/90).
Affinchè la norma entri a pieno regime andrà  necessariamente individuato il responsabile della trasparenza  di ciascuna amministrazione (ex art. 5  c. II D.lgs 33/2013) il quale  dovrebbe a sua volta coincidere, con il responsabile per la prevenzione della corruzione, di cui all’art.1 legge n. 190/2012 (ex art.  43).

[Va precisato che il diritto di accesso per le amministrazioni pubbliche lo dobbiamo interopretare in senso esteso ricomprendendo enti pubblici di diritto privato e Concessionari (Incaricati di pubblico servizio]

COMUNE DI ROMA

> Vai alla pagina COME FARE L’ACCESSO AGLI ATTI

> Vai alle norme sulla Trasparenza della Pubblica Amministrazione

> Scarica il nuovo Statuto di Roma Capitale STATUTO_ROMA_def_T_VOLUMETTO

> Scarica il Regolamento di Roma Capitale Regolamento_Consiglio_Comunale

> VAI ALLA PAGINA DELLA REGIONE LAZIO (Come fare l’accesso agli atti in Regione, URP,  Trasparenza Valutazione e merito)

_______________________________________________

[Dal sito istituzionale del Comune di Roma:ACCESSO AGLI ATTI]

I cittadini – singoli o associati – possono accedere ai documenti e alle informazioni in possesso dell’Amministrazione rivolgendosi ad uno degli Uffici relazioni con il pubblico (URP) presenti nelle strutture di Roma Capitale.

Si può prendere visione dei documenti o chiederne copia – in tal caso è previsto il pagamento dei costi di riproduzione e dei diritti di ricerca – ottenendo risposta entro un termine stabilito.

Esistono alcuni limiti e restrizioni al diritto di accesso ai documenti e alle informazioni che sono legate, ad esempio, alla necessità di tutelare il diritto alla riservatezza di soggetti terzi.

Regolamento del Diritto di Accesso ai documenti e alle informazioni approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 203 del 20/10/2003.

Norme di riferimento:
Legge n.241/90 e s.m.i. – Norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi
D.P.R. n.184/06 – Regolamento disciplina accesso ai documenti amministrativi

Richiesta di accesso agli atti con scheda informativa

(> Vai a Come fare l’accesso agli atti ai Dipartimenti)

_______________________________________________

Trasparenza Valutazione e Merito

[dal sito istituzionale del Comune di Roma:  Trasparenza Valutazione e Merito]

Performance: attività ed obiettivi programmati:

Organismo Indipendente di Valutazione (OIV)

Trasparenza: attività e obiettivi programmati

Atti e documenti di programmazione e rendicontazione economico finanziaria

Servizi erogati all’utenza presso gli uffici capitolini             

Anagrafe pubblica degli amministratori

Statuto, regolamenti, atti  e provvedimenti

Dati informativi sul personale

Sistema disciplinare e principi etici e comportamentali del dipendente

Dati sulle erogazioni di natura economica

Amministrazione aperta (art.18 – D.L. n.83/2012)

Società ed enti del Gruppo Roma Capitale

Posta Elettronica Certificata

Lavori pubblici in corso di esecuzione

(Informazioni soggette a costante aggiornamento)

_______________________________________________

riparte-il-futuroFirma la petizione per  chiedere a tutti i candidati l’impegno contro la corruzione

> vai all’elenco dei candidati che hanno sottoscritto l’impegno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...