EUR spa, com’è andata a finire: nel solito modo…

EUR SPAIMG_1347

...e con uno schiaffo al Sindaco Marino.

Nessun rinnovamento per EUR spa, società pubblica ( il 90% del Ministero dell’Economia e delle Finanze e il 10% Roma Capitale), a un passo dal fallimento, che ha dovuto vendere i suoi gioielli come l’Archivio di Stato e i musei Pigorini, Arti e tradizioni popolari e Alto medioevo all’INAIL (1) senza peraltro  eliminare l’esposizione bancaria (2) accumulata  negli anni dopo una serie di sciagurate iniziative speculative di cui è simbolo il cantiere interrotto  della Nuvola di Fuksas, ma ancora di più il buco dove sorgeva il Velodromo. Situazione che avrebbe richiesto una profonda inversione di rotta e segnali di cambiamento  anche in occasione delle nomine del nuovo Cda. Invece l’assemblea degli azionisti, il 27 agosto ha confermato nella carica di Amministratore Delegato Gianluca Lo Presti e nominato Presidente Roberto Diacetti (3).

dal sito del Comune di Roma, 19 settembre 2012 (Diacetti è alla sinistra del Sindaco Alemanno, alla destra l'Assessore alla Mobilità Aurigemma, esponente di FI vicino all'on. Tajani

dal sito del Comune di Roma, 19 settembre 2012 (Diacetti è alla sinistra del Sindaco Alemanno, alla destra l’Assessore alla Mobilità Aurigemma, esponente di FI vicino all’on. Tajani

La nomina di quest’ultimo è un vero schiaffo al Sindaco Marino, che nel luglio 2013,  poche settimane dopo il suo insediamento, l’aveva estromesso dall’ATAC (4), di cui  era diventato amministratore delegato grazie  da Alemanno  (5), suscitando le ire del centrodestra.  Ma soprattutto la conferma che, nonostante tutto quello che è successo in questi mesi, a partire dalle indagini Mafia Capitale, e nonostante i proclami e le manifestazioni, istituzioni e  partiti (e soprattutto il Governo) continuano a praticare le solite strade spartitorie e a riproporre sempre le stesse facce. Istruttivo il commento  di Cinquequotidiano, che riportiamo in calce, che ricostruisce la carriera di Diacetti,  e l’articolo dell’Espresso, qui sotto, che rivela   l’esistenza di un’ulteriore “Spada di Damocle” sul destino del patrimonio pubblico dell’EUR e dell’erario:  sembrerebbe infatti che EUR spa abbia stipulato un onerosissimo “contratto derivato” (5), che sarà rimborsato a partire dal prossimo anno. Altre vendite di gioielli architettonici che appartengono a tutti noi  in vista? (> leggi l’articolo su carteinregola.it)

Questa voce è stata pubblicata in EUR, politica della cttà e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...