L’assessore Sabella, il G8 e Mafia Capitale

Dopo la condanna dell’Europa per i fatti di Genova* si sono scatenate   le polemiche sull’Assessore alla Legalità di Roma Capitale Alfonso Sabella**   da parte di chi ne chiede le dimissioni mettendolo sullo  stesso piano di Gianni De Gennaro. Ma se ci si basa sui fatti,   appare evidente come le due posizioni non siano paragonabili…

L'assessore Sabella all'assemblea pubblica sui Punti Verde Qualità il 29 gennaio 2015

L’assessore Sabella all’assemblea pubblica sui Punti Verde Qualità il 29 gennaio 2015

Titola   La Repubblica del 7 aprile la Corte di Strasburgo condanna l’Italia: “Alla Diaz fu tortura, ma colpevoli impuniti” . E ciò è ancora più  grave  se si pensa che da anni un vasto  fronte  della società civile e qualche esponente della politica chiedono invano l’introduzione in Italia del reato di tortura, mancanza grazie alla quale sono rimasti impuniti molti esponenti delle forze dell’ordine protagonisti dei pestaggi e delle torture di inermi manifestanti nel luglio 2001 in occasione del G8 a Genova. Non solo impuniti ma anche premiati:  in questi anni  sono rimaste inascoltate le grida di chi segnalava che proprio quegli stessi esponenti delle forze dell’ordine  facevano fulminanti carriere. In proposito si veda l’articolo de Il Manifesto di due giorni fa:  Genova 2001, le carriere folgoranti dei poliziotti “della Diaz”. E molte sono le  ombre sull’ex capo della poli­zia Gianni De Gen­naro,   oggi Pre­si­dente di Fin­mec­ca­nica (1)

Su De Gennaro  si sono avvicendate dichiarazioni contradditorie all’interno dello stesso Partito Democratico: al Presidente Orfini che ha    definito  “vergognoso” il fatto che De Gennaro fosse alla presidenza di Finmeccanica,  il Presidente Renzi ha  replicato che  “Per il rispetto che dobbiamo a Finmeccanica, agli azionisti e a chi ha fiducia in questa società sui mercati, diciamo che il governo non ha alcun dubbio su De Gennaro”. Ma Orfini non ha fatto passi indietro:“Resto della mia idea: il cambiamento che il Pd sta promuovendo nel Paese non dovrebbe fermarsi di fronte alla porta dei soliti noti”.

In tutto questo c’è chi ha pensato di tirare in ballo l’assessore alla Legalità di Roma Capitale Alfonso Sabella, che al G8 di Genova era dirigente dell’Amministrazione penitenziaria (DAP) : parte con gli attacchi il quotidiano romano  Il Tempo, si aggiungono in tanti, a cominciare dal centrodestra (Cicchitto)  e  M5S (Grillo), mettendo Sabella nello stesso fascio di De Gennaro, e  chiedendo le sue dimissioni.

Ma  siccome noi di Carteinregola andiamo sempre a “vedere le carte”, ci siamo chiesti cosa ci fosse veramente  a carico dell’assessore alla Legalità che sta rivoltando la Capitale come un calzino per verificare la correttezza degli atti amministrativi, soprattutto delle opere date in affidamento diretto e non tramite gare di evidenza pubblica. Uno che   solo pochi giorni fa aveva avuto il coraggio di dire che “ la mafia romana  è più invasiva e pericolosa di Cosa Nostra siciliana, quella del tritolo e dei kalashnikov, una mafia che non occupa il territorio, bensì le istituzioni. E abbiamo scoperto che la posizione di Sabella non è affatto assimilabile a quella di De Gennaro, che  è stato rinviato  a giudizio per istigazione alla falsa testimonianza nelle indagini inerenti ai fatti del G8 , è stato assolto in primo grado, poi condannato in appello ad un anno e quattro mesi di reclusione e infine assolto in Cassazione, con una sentenza che ha lasciato comunque  aperti molti interrogativi, dato che è stato invece condannato Francesco Colucci, che secondo  l’accusa  avrebbe ritrattato quanto detto in precedenza «aggiustando il tiro» dei suoi ricordi per tenere lontano dalla vicenda proprio l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro (2). Senza dimenticare che era compito del capo della Polizia De Gennaro destituire i funzionari condannati che invece hanno poi fatto quelle carriere (3)

Quello che abbiamo trovato a carico di Sabella, per chi volesse sapere come sono andate veramente le cose almeno dal punto di vista della verità giudiziaria, e da una fonte non sospetta  – visto che l’articolo è del Manifesto, del 15 aprile 2005, è che Sabella “A Bolzaneto vide che i detenuti erano tenuti in piedi con la faccia contro il muro, ma non fu testimone diretto delle violenze più gravi, né della loro sistematicità, quindi non avrebbe potuto impedirle” E il Manifesto cita le parole  dei   magistrati genovesi: “Sabella  era indubbiamente in posizione di garanzia rispetto ai diritti dei detenuti». Le testimonianze però confermerebbero che il magistrato «era costantemente in San Giuliano, dove per la localizzazione (vicino alle manifestazioni, ndr) temeva situazioni di maggiore tensione; la sua presenza in Bolzaneto è stata limitata a visite occasionali, anche se ripetute; inoltre il suo arrivo in qualche modo era sempre preannunciato in quanto era sempre scortato».«Appare quindi verosimile che nel corso di queste visite non siano stati posti in essere alla presenza del magistrato singoli e specifici atti di violenza», anche perché Sabella era «l’unico non appartenente alle forze dell’ordine e quindi non `omogeneo’ alle stess
E a noi  sembra che di questi tempi,  in cui tutti quelli che strillano la propria innocenza si tengono poi ben stretta la prescrizione che li salva dai processi, uno che unico del G8… non solo ha rinunciato alla prescrizione ma si è anche opposto alla richiesta di archiviazione nei propri confronti, dicendo anzi ‘indagate su di me affinche’ non ci siano ombre'”sia, oltre a  una perla rara, degno di rispetto. Anche perchè aggiunge:  “Io sono l’unico del G8 ancora processabile, quindi chi mi attacca vada alla Procura di Genova e mi denunci per concorso colposo in lesioni dolose”. E soprattutto perchè  assai difficile di quetsi tempi trovare qualcuno  che abbia  il coraggio di fare autocritica, come Sabella nell’intervista odierna a La  Repubblica, in cui all’obiezione sulla difesa dei suoi uomini [gli agenti della polizia penitenziaria NDR] all’indomani dei massacri risponde: “Pensavo fossero stati corretti. Quando ho scoperto cosa avevano fatto, mi sono sentito uno schifo(4).

Anna Maria Bianchi Missaglia annaemmebi@gmail.com

IN AGGIORNAMENTO :

Zingaretti, Smeriglio ha chiarito equivoco. Fiducia a Sabella

Smeriglio (Sel): massima fiducia nei confronti di Sabella eInformazione.it

Campidoglio, bufera sul caso Sabella: il sindaco contro Sel: «Nieri si dimetta»

Comune, strappo nella maggioranza sul caso Sabella: lite Marino-Regione http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/comune_strappo_maggioranza_caso_sabella/notizie/1289842.shtml

Cinquequotidiano 10 aprile 2015  Smeriglio vuole chiarezza da Sabella. E Marino se la prende con Zingaretti Il vicepresidente della Regione Lazio mette alle strette l’assessore che fu a capo del DAP ai tempi del G8 di Genova. È polemica

Cinquequotidiano 1 0 APRILE 2015 : Parole pesanti di Sabella, Sel annuncia interrogazione parlamentare Giancarlo Torricelli, coordinatore romano del partito di Vendola, chiede la riapertura delle indagini

La Repubblica  10 aprile 2015 : G8, Sabella nella bufera. “Io vittima di una regia, la politica cercava il morto per demonizzare la piazza” L’intervista ad Alfonso Sabella: “Adesso spero in un nuovo processo per cancellare questa macchia sulla mia vita e sulla mia carriera” di GIOVANNA VITALE

______________________________________________________________

*SUI FATTI DEL G8 A GENOVA DEL LUGLIO 2001, mentre era Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, vicepresidente Gianfranco Fini (allora Alleanza Nazionale) Ministro dell’Interno Claudio Scajola (allora Forza Italia)

foto da campanianotizie.com

foto da campanianotizie.com

Repubblica.it dossier G8

Ilfattoquotdiano 20 luglio 2011 G8 Genova, la cronologia del 20 luglio 2001 dai dispacci Ansa di quel giorndi RQuotidiano |

Fatti del G8 di Genova Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

______________________________________________________________

 (1) De Gennaro è stato poi prima di essere stato Com­mis­sa­rio Straor­di­na­rio per l’Emergenza rifiuti in Cam­pa­nia, nel 2008 è stato nomi­nato diret­tore del Dipar­ti­mento delle Infor­ma­zioni per la Sicu­rezza, e nel 2012 sot­to­se­gre­ta­rio alla Pre­si­denza del Con­si­glio dei Mini­stri del Governo Monti.

(2) Corriere della Sera, 23 novembre 2011

(3) Repubblica,10 aprile p14. Intervista a ENRICO ZUCCA,pm del processo Diaz: da numero 1 della polizia non sospese i funzionari,  il capo dell’Anticorruzione sbaglia a difenderlo

(4) La Repubblica  10 aprile 2015 : G8, Sabella nella bufera. “Io vittima di una regia, la politica cercava il morto per demonizzare la piazza

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in legalità, leggi e normative, politica della cttà e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’assessore Sabella, il G8 e Mafia Capitale

  1. Pingback: Per Mafia Capitale non servono armi lunghe, servono regole (da applicare sul serio) | carteinregola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...