Spiazziamoli! Carteinregola organizza un “Piediperterra” all’EUR

Carteinregola organizza sabato 7 marzo una passeggiata all’EUR dalle ore 15 alle ore 18 circa* con partenza da Via Colombo angolo viale America sotto le ex Torri delle Finanze (Metro B Eur Fermi) per un totale  di circa 5 km*

spiazziamoli rettangolare

Il 6 e 7 marzo molte associazioni e comitati saranno protagonisti  di “Spiazziamoli! 50 piazze per la democrazia e contro le mafie”, decine di  eventi in contemporanea in tutta la città per rompere il silenzio sulle mafie e la corruzione, fare di Roma un palcoscenico e una piattaforma di democrazia e impegno antimafia, costruire un laboratorio di idee e buone pratiche per far ripartire  il futuro della Capitale.  Carteinregola, con Cittadinanzattiva Lazio, Amate l’architettura, Urban Experience, Comitato SaluteambienteEur e Consiglio di quartiere EUR,  ha scelto l’EUR, “quartiere martire” della speculazione e della mala amministrazione, organizzando una passeggiata lungo le strade  lastricate di guasti  passati e cattive intenzioni, ma anche di gioielli architettonici pubblici, sperando che il cambiamento promesso dal Sindaco – “Cambiamo tutto!” – a cui la scoperta di Mafia Capitale dovrebbe mettere le ali, non finisca con l’impantanarsi per l’ennesima volta.

Una passeggiata  a cui parteciperanno, per raccontare il quartiere e per ascoltare il racconto del quartiere, l’Assessore alla Legalità di Roma Capitale Alfonso Sabella, l’urbanista Vezio De Lucia, rappresentanti del Municipio,  i comitati di quartiere e tutti i cittadini che vorranno unirsi a noi.

lightIMG_1337 laghetto tagliato

 

Il percorso principale, della durata di tre  ore, comincia sabato 7 marzo alle 15 davanti al disastrato paesaggio delle Torri delle ex Finanze, parzialmente smantellate e poi abbandonate da una cordata di privati, sinistro simbolo delle conseguenze della speculazione conficcato nel cuore dell’EUR. E continua intorno al cantiere in-finito della “Nuvola”, e della “Lama“, l’albergo che doveva finanziare il nuovo centro dei congressi di Fuksas e che nessuno si vuole comprare. Ma attraversa anche lo straordinario polo architettonico e culturale del Museo Pigorini, del Museo  delle Arti e Tradizioni Popolari e  della Civiltà Romana. Edifici pubblici che rischiano di essere sacrificati per riempire la voragine del debito dell’EUR spa. Quindi si costeggia l’ampia area del Luneur, lo storico  luna park di Roma smantellato  in nome  di una imminente ristrutturazione, e da anni diventato landa desolata, dove forse sorgerà un parco giochi per bambini (ma sul cartello di cantiere si parla ancora di parco divertimenti): di fronte, sventata  la costruzione di due torri per finanziare lo sciagurato Gran Premio,   grazie alla strenua battaglia dei comitati dell’EUR, le ruspe lavorano alla costruzione dell’Impianto Sportivo Tre Fontane del Comitato Italiano Paralimpico. Si prosegue sulle strade della prostituzione, un problema che  incide sulla qualita della vita degli abitanti  che deve essere affrontato con serietà e ragionevolezza, riportando al centro del dibattito la legalità, contro  lo sfruttamento e la tratta delle persone. Poco oltre pulsa l’EUR degli uffici, in primis quelli dell’Urbanistica e dei Lavori Pubblici, con  il famoso caffè Palombini, crocevia degli affari di mezza Roma. E sulla distesa di  auto  che riempie ogni spazio libero tra i palazzi, si staglia il Colosseo Quadrato, il  simbolo per eccellenza della “città pubblica nella città pubblica”, dedicato alla “Civilità italiana”  oggi affittato per anni a un marchio della Moda, oltretutto,  a quanto pare, a un canone  decisamente inferiore  a quello stimato qualche tempo fa  dall’Agenzia del Territorio. La sua vocazione  pubblica, accantonati vari  progetti e archiviate le relative risorse  pubbliche investite,  si è ridotta allo spazio espositivo del piano terra.  Altra triste metafora della privatizzazione del patrimonio pubblico. E  si prosegue verso il Laghetto, incredibilmente anch’esso concesso in parte a privati, per ricavarne un acquario sotto l’alveo, anch’esso in attesa di essere completato da anni. La camminata prosegue fino al “buco” dove un tempo c’era il Velodromo. Uno spazio su cui si sono susseguiti progetti sempre meno pubblici e sempre più privati, da quelli di Veltroni, che voleva  farne una Città dello sport e del benessere (tante strutture private e qualche servizio pubblico) ad Alemanno, che voleva farne un complesso residenziale privato con un po’ di verde pubblico. Ora quella  Delibera è stata bloccata  (faceva  parte di quelle decine di delibere urbanistiche contro cui Carteinregola e altri comitati hanno presidiato per 4 mesi il Campidoglio nel 2012/2013) e  si aspetta di sapere cosa intende fare dell’area la nuova amministrazione.
Ma l’inizio e la fine del percorso, per chi ha tempo di fare il giro  più lungo,  è il famoso “Fungo”, il ristorante con vista sul quartiere e sulla città, negli anni ’70 crocevia  dei  neofascisti di Carminati e della Banda della Magliana. A ricordarci che molte scelte che si sono abbattute sul quartiere sono finite nel mirino della magistratura. E che il “Mondo di mezzo” abita anche qui.

Il comitato Atuttaleur proporrá in  alcune tappe  del percorso la lettura di  brani letterari ispirati alle situazioni emblematiche del quartiere. Tutti insieme lasceremo sulla strada una scia di lumini accesi, a testimoniare il nostro ìmpegno di cittadini per la tutela del territorio  e la nostra speranza  in un vero cambiamento.

> Vai al percorso (attenzione, tracciato  e orari possono ancora subire variazioni)

* il percorso ha un  primo punto di  partenza alle 14.30 al Fungo, dove termina  alle 18 circa

GLI ALTRI EVENTI DEI COMITATI DELLA RETE DI CARTEINREGOLA

  il SETTIMO BICICLETTARI, gruppo della Comunità Territoriale che affronta il tema della mobilità sostenibile nel Settimo Municipio, aderirà alla manifestazione contro tutte le mafie del prossimo 7 marzo (sabato).
> VAI alle informazioni sul percorso e sulle finalità della  pedalata
Dobbiamo riempire le strade di biciclette per dire un chiaro NO a tutte le mafie e per chiedere una mobilità sostenibile nel nostro Municipio.

7 MARZO  – PIAZZA DI VILLA FIORELLI  ore 10-13

  • Dalle 10: L’albero della legalità: laboratorio per bambini con Aurora
    ore 11.30 Spettacolo di giocolerie con BigUP
  • Dalle 10.30 Ciclogimkana (area pedonale)
  • Punto book-crossing e letture
  • Musica con Le Zazà co’ Isaia
  • Punto informativo di Cittadinanza Attiva, Comitato Villa Fiorelli
  • Interverranno
    • Enzo Ciconte (esperto di mafie e consulente ONU)
    •   Marta Bonafoni (consigliera regionale)
    • Jacopo Emiliani Pescetelli (assessore al commercio I municipio)
  • Ore 13 Tutti a SCUP per il pranzo

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in DELIBERE URBANISTICHE, Mafia capitale, politica della cttà, sprechi, trasparenza, urbanistica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...