La Giunta di Marino: cambiamenti e “new entries”

Una foto twittata dal profilo del Sindaco

Una foto twittata dal profilo del Sindaco

Ecco gli assessori  della giunta “Marino bis”.  Tre “new entries”  quella del magistrato Alfonso Sabella come Assessore alla Legalità  e quella di Maurizio Pucci, fino ad ora responsabile dei grandi eventi nel gabinetto del Sindaco, che diventa Assessore ai Lavori Pubblici, oltre a quella già nota  di Francesca Danese,   che ha sostituito la dimissionaria Rita Cutini alle politiche sociali e che ha avuto anche la delega alla Casa del dimissionario – in seguito alle indagini –  Ozzimo. Degli altri assessori,  le uniche deleghe che restano uguali sono quelle dell’Assessore Caudo (Trasformazione Urbana)  dell’Assessore Improta (Mobilità), dell’Assessore Marino (Ambiente)  e dell’Assessore Scozzese (Bilancio) che aveva sostituito quasi un anno fa il precedente assessore Morgante.

Invece  l’assessore al commercio Leonori assume anche il “coordinamento della città metropolitana”,  ma perde il Turismo, che va  all’Assessore alla cultura Giovanna Marinelli (già subentrata all’assessore Barca).   L’assessore  Paolo Masini lascia i Lavori Pubblici per prendere in carico  Scuola e Sport (quest’ultimo assessorato vacante dopo le dimissioni di Luca Pancalli), e – inaspettatamente –  al Vice Sindaco Nieri viene attribuita la delega alle periferie, ma  tolto l’Assessorato al Patrimonio, che viene invece affidato ad Alessandra Cattoi, prima alla scuola. Scelte piuttosto drastiche, dato il momento difficile, che ci riserviamo di commentare dopo qualche ulteriore riflessione.

> vai alla pagina del sito di Roma Capitale con deleghe e biografie degli assessori)

(in calce i dettagli di tutte le deleghe dal sito di Roma Capitale)

LE NEW ENTRIES (collage di notizie giornalistiche  dal web – in costruzione)

Maurizio Pucci, nuovo Assessore ai Lavori Pubblici,  “Il «mister Wolf» che risolve i problemi, “figura chiave” delle amministrazioni Rutelli e Veltroni.

( >vai alla biografia sul sito di Roma Capitale)  Il suo nome è stato in bilico fino a ieri:  Dirigente Ama, membro del gabinetto del sindaco Marino per i “progetti speciali”, Pucci era finito – pur non essendo indagato – nelle carte depositate dalla procura antimafia nel corso dell’inchiesta “Mondo di Mezzo”. L’esponente Pd, viene infatti nominato in alcune telefonate intercettate di Salvatore Buzzi, in particolare in una dove il numero due dell’organizzazione criminale lo definisce un ladro: «Ieri praticamente è successo che sto matto de Sindaco ha convocato una giunta straordinaria per far fuori Fiscon e mettece Pucci. Quindi levava una brava persona e ce metteva un ladro, perché Pucci è un ladro rubava per il partito, ma tanta roba gli è rimasta attaccata quindi non rubava per il partito». Ma le parole di Buzzi non hanno scosso più di tanto il sindaco Marino, che ha confermato la fiducia a Pucci,  a cui andranno, anche le deleghe al Decoro e Protezione civile.

Così il Corriere della Sera lo descriveva  un anno fa, appena nominato responsabile  per i grandi eventi di Roma Capitale, sintetizzando la sua nutrita biografia:Lo chiamano «mister Wolf», uno che negli ambienti del centrosinistra è conosciuto per «risolvere problemi». La pedonalizzazione dei Fori Imperiali, voluta da Ignazio Marino come imprinting del suo mandato, ha un deus ex machina che proviene dal centrosinistra rutelliano e veltroniano: si tratta di Maurizio Pucci, pisano, classe ’54, politico, manager, ex agente assicuratore di Unipol. Un uomo che, a cavallo tra gli anni ’90 e il 2000, ha ricoperto alcuni tra i più delicati incarichi in città, dirigente Ama in aspettativa non retribuita, Pucci è stato il direttore dei cantieri del Giubileo fino al 31 dicembre ’99, col sindaco Rutelli commissario e Guido Bertolaso suo vice, poi sovrintendente alle grandi opere. Tra queste, l’apertura dell’Auditorium di Renzo Piano (…) ex responsabile della Protezione civile regionale sotto la giunta Marrazzo, ha rappresentato una delle figure chiave del centrosinistra (sempre dietro le quinte) anche dal punto di vista elettorale. Nel 2001 fu uno dei «tessitori» della Lista civica Veltroni che fece il boom alle elezioni (quasi l’11%, con 9 consiglieri eletti) e nel 2003 è stato il regista della vittoria di Enrico Gasbarra alla Provincia.” Anche secondo il Messaggero “il suo curriculum politico e professionale lo vede crescere come uomo chiave dell’era Rutelli Veltroni, molto vicino a Goffredo Bettini”  . Fermo con il centrodestra, riparte con la giunta Marino e ora fa  un bel salto di qualità, dopo un anno di lavoro nel gabinetto del Sindaco, in cui si è occupato  di grandi eventi,  come la beatificazione dei Papi e il concerto dei Rolling Sones al Circo Massimo.

Alfonso Sabella Assessore alla Legalità (> vai alla biografia sul sito di Roma Capitale)

(da 50.000 giorni, Corriere della sera) Bivona (Agrigento) 21 novembre 1962. Magistrato. Dal gennaio 2014 vice capo Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi. Non si è mai iscritto ad alcuna corrente dell’Associazione Nazionale Magistrati.
• Figlio di avvocati, quando lavorava nello studio dei genitori si fece notare per l’interpretazione di una norma che consentì di mandare assolti tutti i cacciatori di frodo (in mancanza di una legge sulla caccia: la sua tesi farà giurisprudenza, e lui diventerà l’avvocato dei cacciatori).
• Divenuto magistrato e assegnato alle funzioni di sostituto procuratore a Termini Imerese, nel 93 viene trasferito su sua richiesta presso la Procura di Palermo. Si specializza nella caccia ai latitanti mafiosi e spunterà dalla lista nomi celebri: Leoluca Bagarella, Giovanni Brusca, Pietro Aglieri, Vito Vitale, tra i gregari Enzo Brusca, Pino Guastella, Pietro Romeo.
• Nel 99 viene distaccato al ministero di Giustizia come magistrato di collegamento con la commissione Antimafia, e assume il doppio incarico come capo dell’ufficio dell’ispettorato del Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, dallo stesso anno diretto da Gian Carlo Caselli). Nel 2000 i mafiosi si fanno venire l’idea di dissociarsi da Cosa Nostra come un tempo i terroristi (vedi Pietro Aglieri), e chiedono pure di fare un summit in carcere, ma Sabella ha con sé tutti i dati informatizzati di sei anni di indagine a Palermo, e gli basta usare la funzione di ricerca nel suo computer per trovare il verbale di un’intercettazione, ai tempi irrilevante, adesso fondamentale per provare che da anni i boss discutevano del progetto, al fine di ottenere benefici carcerari col minimo sforzo (ammettere l’evidenza, cioè essere mafiosi, ma senza collaborare con la giustizia). Carte alla mano fa bloccare l’iniziativa in pieno accordo con Gian Carlo Caselli. «L’unico risultato concreto sarebbe stato il crollo delle collaborazioni di giustizia e la possibilità per diversi boss di uscire dal carcere prima del tempo». Nel 2001 il nuovo capo del Dap Giovanni Tinebra (ex procuratore della Repubblica di Caltanissetta) è favorevole a una normativa che estenda l’istituto della dissociazione ai mafiosi, e tra i mafiosi detenuti ricomincia il passaparola dell’anno prima. Sabella segnala l’opportunità di allertare la polizia penitenziaria al fine di evitare contatti anche casuali tra i boss coinvolti nell’iniziativa, e dopo sei giorni viene il suo ufficio viene soppresso e lui viene trasferito a Firenze (la sua richiesta al CSM di trasferimento a Roma non trova accoglimento, ufficialmente, perché non ci sono posti). Il prefetto di Firenze Achille Serra convoca d’urgenza il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per revocargli la scorta, salvo mantenergli la “tutela” (protezione da parte di un solo uomo), ma solo nel territorio fiorentino. Tutto è partito dal direttore del Dap, Tinebra, che ha comunicato l’indisponibilità di uomini della polizia penitenziaria per la sua scorta, quando il Cosp di Roma, due settimane prima, aveva confermato la scorta con due auto e quattro uomini, ritenendo Sabella un obiettivo ad alto rischio. Qualche mese dopo si scopre che Leoluca Bagarella aveva firmato l’ordine di uccidere un magistrato, molto probabilmente proprio Sabella. Tanto che il presunto capomafia di Bivona (dove Sabella è nato e dove vivono i suoi genitori), stringe platealmente la mano a suo padre in un bar, come a dirgli di non avere dato l’assenso all’omicidio (i due non si erano mai guardati in faccia).
• Ottiene solo nel 2005 il trasferimento a Roma, dove rimane, con le funzioni di giudice penale, fino al 2011, quando assume l’incarico di direttore generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi DAP. Dal 2003 al 2006 è consulente della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’affare Mitrokhin. Nel gennaio 2014 viene nominato vice capo Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi.
• Durante il suo secondo incarico al Dap, oltre a cercare di ridimensionare il fenomeno dell’emergenza carceri (rilevando che molti spazi sono chiusi o sottoutilizzati), scrive un dossier sul Piano carceri presentato alla Camera il 22 ottobre 2013 dal Commissario Straordinario per l’edilizia penitenziaria Angelo Sinesio (già capo della segreteria tecnica del ministro Cancellieri), denunciando «dati non corretti e circostanze non veritiere», «il non fruttuoso impiego di risorse pubbliche» e anomalie nelle gare, «con ribassi palesemente fuori mercato» (valore del Piano Sinesio: 470 milioni di euro). In seguito alla sua denuncia la Procura di Roma ha iscritto nove indagati (tra cui lo stesso Sinesio), per i reati falso, abuso d’ufficio e corruzione. Sinesio è anche accusato di diffamazione ai danni di Sabella, per averlo accusato ingiustamente di inefficienza e incapacità, proprio mentre presentava il Piano alla Camera.
• Nel novembre 2009 Marco Travaglio gli ha dedicato un servizio in due puntate sul “fatto quotidiano”, dal titolo Alfonso Sabella, un giudice stritolato dalla Trattativa, in cui il magistrato, finalmente, dice tutto, pane al pane e vino al vino, a partire dalla soppressione del suo ufficio al Dap nel 2003: «Siccome era, secondo me, illegittima perché poteva deciderla soltanto il ministro, scrissi a Castelli, ma questi mi mise alla porta. E lo stesso fece di lì a poco il Csm. Capii quanto era debole un magistrato come me, mai iscritto ad alcuna corrente organizzata della magistratura. Avevo chiesto di essere trasferito alla procura di Roma, dove mi ero stabilito da meno di tre anni. Ma il Csm mi rispose che a Roma non c’erano posti e mi trasferì a Firenze. Poi, proprio il giorno dopo, lo stesso Csm applicò alla procura di Roma ben due magistrati più giovani di me: la prova che a Roma non c’era posto, ma solo per me. Oggi, ripensando a quei mesi incredibili alla luce del papello, ho scoperto ciò che mai avrei immaginato: e cioè che già nel 1992 Cosa Nostra aveva chiesto una legge per la dissociazione dei boss. Così ho maturato una serie di riflessioni pressoché obbligate: con i miei ‘no’ alla dissociazione, avevo ostacolato per ben due volte un disegno molto più grande di me, che passava sulla mia testa e rimontava alla trattativa del 1992. Una trattativa mai interrotta (o forse una trattativa con Riina interrotta dalla strage di via D’Amelio ma subito proseguita, stavolta positivamente, con Provenzano). Infatti, fra i vari punti del papello, molti dei quali francamente inaccettabili persino per uno Stato arrendevole come il nostro, il meno irrealizzabile (dopo la chiusura delle supercarceri di Pianosa e Asinara, poi disposta dal governo di centrosinistra nel 1997) era proprio la dissociazione. Che, da sola, avrebbe consentito allo Stato di esaudire indirettamente quasi tutti gli altri: la fine dell’ergastolo, la fine del pentitismo, la fine del 41 bis, la revisione delle condanne». Sabella torna anche sul G8 organizzato a Genova nel 2001, dove viene incaricato di coordinare l’attività dell’Amministrazione penitenziaria in vista dei prevedibili arresti dei black bloc. Le torture consumate nella caserma di Bolzaneto sono fatto noto. Responsabili anche alcuni militari al servizio del GOM, il corpo speciale della polizia penitenziaria, e Sabella viene indagato dalla procura di Genova per non avere impedito le violenze. Lui in realtà era all’oscuro di tutto, trovandosi nella caserma di Forte San Giuliano, dove non è successo niente («Dico la verità, quel giorno maledetto commisi un errore di valutazione. Non mi accorsi che il piano per gli arresti preventivi, a scopo di sicurezza, fu modificato in corso d’opera forse proprio allo scopo di aizzare gli animi, soffiare sul fuoco e far esplodere gli scontri. Altro però non posso rimproverarmi»). Per dimostrarlo chiede invano di acquisire i tabulati dei quattro telefoni cellulari che usava quel giorno, alla Procura di Genova, che invece archivia senza svolgere indagini. Sabella si oppone all’archiviazione ottenendo l’acquisizione dei tabulati da parte dei carabinieri, che all’esito degli accertamenti rilevano la cancellazione del traffico relativo alla ‘cella’ territoriale a cui erano agganciati tutti e quattro i suoi cellulari. «Non so chi avesse manomesso quei dati, ma in ogni caso era facilissimo localizzarmi: dove mi trovavo nelle ore delle violenze risultava dai tabulati delle chiamate in entrata, cioè delle telefonate che ricevevo in quel mentre. Visto che non lo faceva l’Arma, ricostruii tutti i miei movimenti e dimostrai che, quando ero a Bolzaneto, non c’era stata alcuna violenza contro detenuti. Ma, nonostante le mie carte parlassero chiaro, il giudice se n’è infischiato e ha emesso un provvedimento di archiviazione infamante: sostenendo, cioè, che ero responsabile delle violenze, ma per colpa e non per dolo. Una tesi giuridicamente aberrante, fra l’altro, visto che le lesioni sono punibili anche quando sono colpose. E allora perché non mi ha rinviato a giudizio per quel reato? Così almeno avrei potuto dimostrare la mia estraneità nel dibattimento. Invece, a quell’archiviazione di fango, non ho potuto nemmeno oppormi: è inappellabile». Il Csm, nel frattempo, ha bloccato il suo avanzamento in attesa della definizione del procedimento di Genova. «Feci presente al Csm che i pm non avevano indagato a fondo e chiesi al procuratore generale della Cassazione e all’Ispettorato del ministero di aprire un procedimento disciplinare contro il gip che mi aveva archiviato in quel modo scandaloso. Produssi anche alla IV Commissione del Csm una memoria dettagliata dove dimostravo tutto per tabulas, con vari atti allegati, perché fossero valutati nel decidere del mio avanzamento in carriera. Ma non ci fu nulla da fare. Un muro di gomma dopo l’altro. La mia carriera in magistratura è stata definitivamente compromessa con una delibera del Csm che ignorava totalmente i miei meriti di magistrato antimafia, ma anche la mia memoria sui fatti di Genova, sulle stranezze presenti nei miei tabulati telefonici e sulle omissioni dei colleghi. Il 27 febbraio 2008, vado a riprendermi le carte che avevo prodotto sui fatti di Genova. Le cerco nel mio fascicolo personale al Csm. Sparite. Lo stesso giorno presento un’istanza per sapere dove sono finite e se sono state valutate nella pratica sulla mia promozione: scoprirò che sono state archiviate ed espunte dal mio fascicolo con una decisione adottata dall’Ufficio di presidenza del Csm, con a capo il vicepresidente Nicola Mancino. Che combinazione: ritrovo Mancino dieci anni dopo che Brusca mi aveva parlato di lui in quel verbale secretato». La stessa sera di quel 27 febbraio il Csm viene comunica all’Ansa la notizia, falsa, che lui si è candidato alle elezioni politiche nel Pdl, in quota Alleanza nazionale. Di lì a poco Giovanni Bianconi scrive sul Corriere della Sera che Sabella compare nei dossier di Pio Pompa: «l’analista del Sismi ai tempi in cui il servizio segreto militare era legato mani e piedi alla security della Telecom. E, si badi bene, il mio nome compariva accanto a quello di altri magistrati antimafia di Palermo. Ma accanto al mio non c’è la sigla “Pa”, bensì la sigla “Ge”. E io a Genova ci sono stato solo nei giorni del G8. E guarda caso usavo schede Telecom. E, guarda un po’ la combinazione, qualcuno ha cancellato i tabulati che mi scagionavano dai fatti di Bolzaneto. E tutto questo il Csm lo sapeva (o perlomeno doveva saperlo), avendo ricevuto subito le informative sui magistrati spiati dal Sismi. Ma nessuno mi aveva detto nulla, tant’è che l’ho appreso dai giornali. Oggi mi domando: qualcuno voleva levarsi dai piedi il sottoscritto al Dap per spianare la strada alla dissociazione, ultima versione della trattativa (o meglio dell’accordo) del 1992? Sono paranoico, oppure sono autorizzato a farmi certe domande?». • Intervenendo alla presentazione del libro Il patto, di Nicola Biondo e Sigrifdo Ranucci, il primo febbraio 2010, dice che della trattativa Stato-Mafia si sapeva tutto già dieci anni prima, anzi, dodici. Sul depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio: «Non ho mai creduto che Pietro Aglieri fosse il responsabile dell strage di Via D’Amelio. Pietro Aglieri è stato condannato sulla base delle dichiarazioni di Scarantino. Scarantino era il pentito di cui mi occupavo io a Palermo. È stato sempre dichiarato inattendibile, non l’ho mai utilizzato nemmeno per gli omicidi che confessava. Il dottor Tinebra l’ha utilizzato fino in fondo fino ad ottenere delle sentenze passate in giudicato. Io lo dicevo su una base logica. La strage di Via D’Amelio è talmente delicata che se l’ha fatta Riina, la doveva commissionare per forza ai suoi uomini più fidati, ovvero ai fratelli Graviano. Non poteva commissionarla a un uomo di Provenzano che è Pietro Aglieri» (vedi Gaspare Spatuzza, Vincenzo Scarantino). Sulla mancata perquisizione al covo di Totò Riina (vedi scheda): «Io con le cose che ho trovato in tasca a Bagarella ci ho arrestato 200 persone. Mi chiedo: che cosa si poteva fare con quello che avremmo trovato a casa di Salvatore Riina? Stiamo parlando del capo dei capi di Cosa Nostra. Questa è una cosa che nessuno sa, una chicca. La certezza che quella casa fosse la casa di Riina si è avuta soltanto per caso, perché non c’era alcuna prova, avevano imbiancato tutto, con i Carabinieri del Ros che avevano assicurato che avrebbero controllato quel covo con le telecamere. La certezza si è avuta soltanto perché in un battiscopa era finito un frammento di una lettera che Concetta Riina, la figlia di Riina, aveva scritto a una compagna di scuola. Soltanto per caso. È l’unica cosa che si è trovata. (…) Non è una cosa da sottovalutare. Perché secondo me è la chiave di lettura del patto che è raccontato in questo libro. Ovvero un patto che viene stipulato, concluso, sottoscritto. Mi assumo le mie responsabilità di quello che dico: patto da cui verosimilmente si determina la morte di Paolo Borsellino, perché Paolo Borsellino molto probabilmente viene ucciso a seguito di questo patto».
• A di fuori del lavoro, passione per l’Inter e per la cucina. (a cura di Paola Bellone).

Francesca Danese,   Assessore alle  politiche sociali e alla Casa (> vai alla biografia sul sito di Roma Capitale)

(da CESVEtneo) Nata ad Avezzano (L’Aquila) nel 1965 è educatrice di comunità ed epidemiologa sociale. Ad oggi è presidente del Cesv e vicepresidente di Csvnet (il coordinamento nazionale dei Csv), ma ha iniziato giovanissima ad impegnarsi nel Terzo settore, assumendo presto ruoli di responsabilità. Tra l’altro, è stata presidente di Anlaids Lazio dal ’93 al 2001 e segretario nazionale dal ’99 al 2001. Ha lavorato sempre nel Terzo settore e per la promozione del volontariato e la creazioni di reti. Contemporaneamente ha svolto attività di formazione per il volontariato e per gli operatori sociali e degli enti pubblici.  Ha ricoperto anche numerosi incarichi di rappresentanza: in passato nella consulta penitenziaria del Comune di Roma e poi nella Consulta socio-sanitaria del Comune di Roma (1995-2001), nell’Osservatorio Nazionale del volontariato presso il ministero del Lavoro e delle politiche sociali in quello Regionale del Lazio (fino al 2008).

Danese ha ideato ed è stata responsabile di campagne e progetti, anche a livello europeo nel campo dell’interculturalità, della coesione sociale, della salute, dell’inserimento lavorativo delle donne e delle categorie svantaggiate. E ha svolto attività di monitoraggio, ad esempio sulla realizzazione dei piani di zona e sul primo Piano regolatore sociale del Comune di Roma. Nel corso della sua carriera ha avuto numerosi riconoscimenti. Tra l’altro, il 5 dicembre 2001 è  stata nominata “Cittadina illustre” dal Comune di Roma; nel 2009 ha ricevuto il premio Formica d’oro dal Forum del Terzo Settore Lazio; nel 1997 è stata insignita con la Croce d’oro alla Sanità Pubblica; nel 1996 è stata eletta “Donna dell’anno” dalla rete delle organizzazioni che si occupano di Hiv. Lo scorso anno insieme alla Caritas si impegnò in prima persona per la celebrazione dei funerali di Andrea, la trans uccisa a Termini, che Redattore sociale aveva intervistato poco prima della sua morte (fonte: RedattoreSociale)

giunta_marino_bis_d0La nuova Giunta capitolina (dal sito di Roma Capitale)

Luigi Nieri  (Vicesindaco Personale, periferie e lavoro)

Politiche del personale e tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, politiche del lavoro e della formazione professionale, attività finalizzate al dialogo sociale e alla tutela dell’occupazione, politiche delle periferie

Alessandra Cattoi (Patrimonio, politiche Ue, comunicazione e pari opportunità)

Patrimonio, ad eccezione dell’Edilizia Residenziale Pubblica, definizione e verifica degli indirizzi gestionali a ‘Risorse per Roma’, limitatamente all’attività di valorizzazione del patrimonio immobiliare, diritti civili e promozione delle pari opportunità, coordinamento delle attività per le relazioni con l’Ue, sponsorizzazioni e mecenatismo, comunicazione, grandi eventi.

Giovanni Caudo (Rigenerazione urbana)

Rigenerazione e trasformazione urbana, progetti Metropolitani, politiche di sviluppo del litorale, lotta all’abusivismo edilizio.

Francesca Danese (Politiche sociali, salute, casa ed emergenza abitativa)

Politiche sociali e dei servizi alla persona, diversamente abili e non autosufficienza, politiche per la promozione della salute, piano per l’inclusione sociale dei migranti, atti connessi al trattamento sanitario obbligatorio, politiche abitative, patrimonio destinato all’Edilizia Residenziale Pubblica, housing sociale, interventi per fronteggiare l’emergenza abitativa e servizi di assistenza alloggiativa.

Guido Improta (Trasporti, mobilità e rapporti con l’Assemblea capitolina)

Politiche della mobilità, piano della mobilità ciclabile, piano del traffico, dei parcheggi e del pedone; definizione e verifica indirizzi gestionali ad Atac S.p.A, a ‘Roma Servizi per la Mobilità S.r.l’ e a ‘Roma Metropolitane S.r.l’

Marta Leonori (Roma produttiva e Città Metropolitana)

Politiche del commercio, dell’industria e dell’artigianato, affissioni e pubblicità, sportello unico delle attività produttive, innovazione tecnologica e reti informative,politiche agro-alimentari, promozione e coordinamento nel settore della moda, rapporti con la Città Metropolitana.

Giovanna Marinelli (Cultura, creatività, promozione artistica e turismo)

Politiche per la cultura e la creatività, sovrintendenza capitolina ai beni culturali, toponomastica, politiche del turismo, definizione e verifica degli indirizzi gestionali all’azienda speciale Palaexpò, all’istituzione Biblioteche, alla Fondazione ‘Musica perRoma’, e a Zetema Progetto Cultuira S.r.l

Estella Marino (Ambiente e Rifiuti)

Politiche ambientali e del verde, rifiuti e risanamento ambientale, indirizzi delle iniziative per il contenimento dell’inquinamento acustico e per la tutela della qualità dell’aria e dell’acqua, tutela e benessere degli animali, servizi funebri e cimiteriali, definizione e verifica degli indirizzi gestionali alla Fondazione Bioparco e all’Ama.

Paolo Masini (Scuola, università, politiche della memoria, sport, politiche della qualità della vita e partecipazione attiva dei cittadini)

Politiche educative e scolastiche, asili nido, politiche di promozione della famiglia e dell’infanzia, politiche giovanili e rapporti con le università, politiche della memoria, dialogo interreligioso, promozione del benessere dei cittadini e politiche della qualità della vita, partecipazione attiva dei cittadini, politiche dello sport, sviluppo e valorizzazione dell’impiantistica sportiva.

Maurizio Pucci (Lavori pubblici, infrastrutture, manutenzione urbana, Protezione Civile, progetti speciali)

Politiche dei lavori pubblici, manutenzione urbana, attuazione delle zone ‘O’ e opere a scomputo, piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche, consorzi stradali, interventi e progetti per il decoro urbano, Protezione Civile, interventi per fronteggiare gli effetti delle avversità naturali, progetti speciali.

Alfonso Sabella

(Legalità, trasparenza, contratti, appalti, beni confiscati alla mafia e contrasto all’usura)

Politiche per la legalità, l’integrità e la trasparenza nell’amministrazione capitolina e negli enti controllati, monitoraggio degli appalti pubblici e contratti, Punti Verde Qualità, avvocatura, beni confiscati alla mafia, contrasto all’usura.

Silvia Scozzese (Bilancio e razionalizzazione della spesa)

Politiche economiche, finanziarie e di bilancio, politiche di razionalizzazione della spesa per l’acquisto di beni e servizi, coordinamento strategico delle aziende speciali, delle istituzioni, Società, Enti e Fondazioni a partecipazione capitolina, sovrintendenza e controllo sulle società destinatarie di affidamenti in house, definizione e verifica degli indirizzi gestionali a ‘Aequa Roma S.p.A’, ‘Acea S.p.A’,‘Assicurazioni di Roma’; definizione e verifica degli indirizzi gestionali all’azienda speciali ‘Farmacap’, gestione del Piano di Rientro

 

RASSEGNA STAMPA

EUROPA 23 DICEMBRE

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...