Delibere urbanistiche, lo stato dell’arte

home_prg_img_d2

Il Piano Regolatore Generale del 2008

Pubblichiamo gli  aggiornamenti – dal sito del Dipartimento Urbanistica del  Comune di Roma – riguardanti gli sviluppi  di alcune delibere di cui il Laboratorio Carteinregola si è occupato, anche durante il presidio in Campidoglio: la Deliberazione di Giunta Comunale n. 315 del 15.10.2008, quella relativa agli “ambiti di riserva” (> Vai alla pagina con la nostra scheda del marzo 2013) revocata dal nuovo Sindaco il 2 agosto, come annunciato dalle sue  linee programmatiche; la Proposta 47  (dec G.C. 20 aprile 2011 n.38-Protocollo d’intesa tra l’Agenzia del Demanio e Roma Capitale), che riguardava la cessione delle caserme e delle aree militari dismesse(> vai alla pagina con la nostra scheda di marzo 2012) , delibera poi non approvata dall’Assemblea Capitolina, e la Proposta 70/2012, relativa ad alcune aree di  Casal Giudeo di proprietà dell’ATER e di soggetti privati, approvata durante la “notte delle delibere”, nelle ultime ore della consiliatura Alemanno, con il voto bipartisan di maggioranza e opposizione.  Recentemente la Delibera era stata fermata in autotutela dal Direttore del Dipartimento Urbanistica, dopo le segnalazioni dei rischi di illegittimità di Carteinregola e Italia Nostra, ma alla fine  è stata pubblicata, grazie al  voto –

aree di riserva delibere

Mappa delle aree di riserva

nuovamente bipartisan – delle Commissioni congiunte Urbanistica e Patrimonio, presiedute da Antonio Stampete e Pierpaolo Pedetti (entrambi PD). Ora il rischio è  un’edificazione di 1 milione 300.000 metri cubi, in aggiunta al PRG, da collocare sul territorio urbano, ma soprattutto l’ “effetto domino”  che ne può scaturire, dato che  molti  esclusi dalle “compensazioni” previste dal PRG (art.19) potrebbero analogamente  pretendere dal Comune lo stesso trattamento riconosicuto ai soggetti citati, provocando un’  ulteriore moltiplicazione delle cubature edilizie e una colata di cemento inimmaginabile sulla Capitale (> Vai alla pagina con la vicenda della Delibera di Casal Giudeo).

Ora gli interessati potranno presentare le eventuali osservazioni e le opposizioni fino a trenta giorni dopo la scadenza del periodo di deposito, cioè entro il 12 dicembre 2013. Mettiamoci al lavoro…

______________________________________________________________

[dal sito del Dipartimento Urbanistica del Comune di Roma]

Roma, 7 agosto 2013 Stop agli Ambiti di riserva, tutelato l’Agro romano
La Giunta Capitolina ha approvato lo scorso 2 agosto la Delibera n. 327 che -in coerenza con quanto disposto dalle linee programmatiche del Sindaco per il mandato amministrativo in corso- revoca la Deliberazione di Giunta Comunale n. 315 del 15.10.2008 di “Approvazione dell’invito pubblico per l’individuazione di nuovi Ambiti di riserva a trasformabilità vincolata di cui all’articolo 67 delle NTA del PRG, finalizzati al reperimento di aree per l’attuazione del Piano Comunale di “housing sociale” e di altri interventi di interesse pubblico”.  In risposta all’invito erano pervenute (nel 2009) all’Amministrazione 334 proposte dai privati, di cui 160 ritenute ammissibili (nel 2012) in base ai requisiti fissati dal medesimo invito dalla Commissione di valutazione appositamente istituita nel 2009. Ciò avrebbe consentito la nuova urbanizzazione di 2.381,5 ettari di suolo non destinato all’edificazione dal PRG vigente e in gran parte, circa 1.700 ettari, ricadenti nell’Agro Romano.
Con questa scelta, l’Amministrazione comunale sancisce che l’obiettivo di dare una risposta alle richieste di alloggi sociali deve essere perseguita, prioritariamente utilizzando il patrimonio immobiliare esistente, e rendendo edificabili aree in zone già urbanizzate.

Vai alla pagina con i documenti scaricabili: Delibera di G.C. n. 327 del 02.08.2013 (f.to Pdf – Kb 52)

______________________________________________________________

Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio
Alienazioni e valorizzazioni dei beni immobili militari: lo stato dell’arte

Roma, 14 ottobre 2013 La strategia per la trasformazione urbana fissata nelle “Linee programmatiche del Sindaco per il mandato 2013/2018” prevede di dare impulso alla rigenerazione urbana per innalzare la qualità della città e soddisfare la domanda sociale.

In particolare, per la rigenerazione urbana è stata individuata una prima direttrice nel riuso sapiente del patrimonio pubblico allargato (caserme e grandi attrezzature dismesse) su cui impegnare gli uffici con specifici studi di fattibilità.

L’obiettivo del riuso degli immobili pubblici è stato sancito dal  Decreto legge 21 giugno 2013 n. 69, convertito in legge 9 agosto 2013 n. 98 che, con l’art. 56-bis, consente il trasferimento ai Comuni, a titolo non oneroso, di beni immobili dello Stato non utilizzati.

A tal fine, l’Agenzia del Demanio ha fornito un primo elenco  di 187 beni per eventuali richieste di attribuzione in proprietà, sui quali l’Amministrazione capitolina ha avviato un tavolo di lavoro con il Demanio. Successivamente, la Giunta Capitolina con Memoria del 25 settembre 2013 ha dato mandato al Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica di integrare tali beni negli ambiti di rigenerazione urbana e di predisporre, d’intesa con il Dipartimento Patrimonio,  gli atti per il trasferimento in proprietà a titolo non oneroso a Roma Capitale dei beni immobili dello Stato non utilizzati. Nella Memoria, la Giunta capitolina ha inoltre formulato l’indirizzo di utilizzare come futura sede del Museo della Scienza gli spazi dell’ex Stabilimento Militare Materiali Elettronici e di Precisione di via Guido Reni.

Come noto, il percorso di cooperazione tra Istituzioni pubbliche – iniziato già nel 2001 – è stato perfezionato nel giugno del 2010 con la sottoscrizione di un Nuovo Protocollo di Intesa tra Ministero della Difesa e Roma Capitale, per la  valorizzazione ed il recupero degli Immobili Militari non più funzionali alle esigenze delle Forze Armate, nell’ottica di un più ampio processo di riqualificazione e rigenerazione del tessuto urbano.

Successivamente, Roma Capitale ha adottato anche una specifica Variante al PRG proprio al fine di perseguire l’interesse pubblico prevalente, attraverso una diversa destinazione urbanistica degli immobili militari.

Il Decreto Legge del 29.12.2010 n. 225 ha considerato urgente l’alienazione da parte dall’Agenzia del Demanio dei seguenti immobili, tra i 15 individuati nel suddetto Protocollo d’Intesa:
1.    Stabilimento militare materiali elettronici e di precisione – via Guido Reni
2.    Direzione magazzini del commissariato – via del Porto fluviale
3.    Magazzini A.M. – via Papareschi
4.    Forte Boccea – area libera adiacente

In seguito alla notizia sulla dimissione dei beni, portata anche dai media all’attenzione pubblica, diverse amministrazioni hanno espresso l’esigenza di accedere al patrimonio immobiliare, reso disponibile dal Ministero della Difesa, per ottimizzare gli spazi in rapporto alle effettive esigenze funzionali e alle risorse umane impiegate, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica:
–    nel dicembre del 2012 l’ex Magazzino dell’Aeronautica Militare in via dei Papareschi ha trovato la sua nuova destinazione ed è stato consegnato alla Corte dei Conti;
–    nel febbraio del 2013 la Caserma Donato Magazzini del Genio in via del Trullo è stata data in consegna al Senato;
–    infine, nell’aprile del 2013 l’ex Convento ex Caserma dei Reali Equipaggi in via Sant’Andrea delle Fratte è stato assegnato al Conservatorio di Santa Cecilia, per costituirne la nuova sede.

Sul tema delle alienazioni e valorizzazioni sono nel frattempo intervenuti altri provvedimenti legislativi:
–    nel luglio del 2012 il Decreto Legge n. 95 attribuisce al Ministero dell’Economia la facoltà di costituire una società di gestione del risparmio (art. 33 D.L. n. 98/2011), per l’istituzione e partecipazione a fondi d’investimento immobiliari a cui trasferire o conferire immobili di proprietà dello Stato non utilizzati per finalità istituzionali e suscettibili di valorizzazione, compresi quelli assegnati al Ministero della Difesa;
–    nel giugno del 2013 il Decreto Legge n. 69 ha stabilito che i comuni che intendano acquisire la proprietà di beni immobili dello Stato possano presentare all’Agenzia del Demanio la richiesta di attribuzione di ciascun bene, specificando le finalità di utilizzo e indicando le eventuali risorse finanziarie preordinate a tale utilizzo.
 
Vai alla pagina con i Documenti scaricabili:
Memoria Giunta Capitolina del 25 settembre 2013 (f.to Pdf – Kb 191)
Protocollo d’Intesa del 4 giugno 2010 (f.to Pdf – Mb 4,50)
Deliberazione di Assemblea Capitolina n. 8 del 28/29 ottobre 2010 “Approvazione del “Piano delle alienazioni e valorizzazioni degli immobili militari della città di Roma” ai sensi dell’art. 58, comma 1, legge 6 agosto 2008 n. 133 di conversione del D.L. 25 giugno 2008 n. 112 e art. 2, comma 191, legge 23 dicembre 2009 n. 191 e ss.mm.ii. in adozione di Variante al P.R.G. vigente” (f.to Pdf – kb 120)
Decreto Legge del 29.12.2010 n. 225 (che ha introdotto il comma 196 bis all’art. 2 della L. 191/2009), convertito in legge 26.02.2011 n. 10 (f.to Pdf – Kb 442)
Decreto Legge 6 luglio 2012 n. 95 (c.d. Spending Review), convertito in legge 7 agosto 2012 n. 135 (f.to Pdf – Mb 1,85)
Decreto legge 21 giugno 2013 n. 69 (art. 56 bis), convertito in legge 9 agosto 2013 n. 98 (link al sito della Gazzetta Ufficiale)
Schede degli immobili Militari
______________________________________________________________

Roma, 14 ottobre 2013 Avviso. Adozione di Variante al PRG nell’ex zona E1 denominata “Casal Giudeo” Adozione di Variante al Piano Regolatore Generale con modifica all’art. 19, comma 1, delle NTA. Riconoscimento di diritti edificatori in favore dei proprietari di terreni compresi nell’ex zona E1 di PRG previgente denominata “Casal Giudeo”.
Gli atti relativi alla variante in oggetto saranno pubblicati e consultabili nella sezione riservata all’Albo Pretorio on line presso la Segreteria Comunale – Via Luigi Petroselli, 50 – dal 14 ottobre 2013 e per i trenta giorni successivi.
 Gli interessati potranno fino a trenta giorni dopo la scadenza del periodo di deposito, entro il 12 dicembre 2013, presentare le eventuali osservazioni e le opposizioni che dovranno essere in duplice copia – di cui una in bollo da euro 16,00 per le sole opposizioni.
Le osservazioni e le opposizioni potranno essere consegnate al protocollo del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, Piazza Kennedy, 15 – Roma 00144 (dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30) o inviate per raccomandata.
Ai fini del rispetto della scadenza stabilita, farà fede la data del timbro postale.

Vai alla pagina con i Documenti scaricabili:
Deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 9/10.04.2013 (f.to Pdf – Mb 1,14)
Avviso pubblico (f.to Pdf – Kb 63)
Lettera di trasmissione al Segretariato Comunale (f.to Pdf – Kb 48)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in DELIBERE URBANISTICHE, legalità, PRESIDIO, urbanistica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...